Cammino di Assisi - cammino ufficiale di San Francesco   Città del Cammino

”Vade Francisco et repara domum meam”

Link: Vita e opera di Francesco

Modalita' ed avvertenze importanti per il pellegrino

Diversamente dal Cammino di Santiago dove, una volta ricevuta la credenziale, il pellegrino può decidere autonomamente la data di partenza del proprio pellegrinaggio, sul cammino di Assisi ciò non è possibile, per il limitato numero di posti disponibili  lungo il percorso.

Pertanto, onde evitare probabili condizioni di disagio,  le partenze vengono  monitorate  per garantire al pellegrino una potenziale sicurezza di essere accolto in ogni sede di tappa. Ai Rifugi si accede solo con il possesso della credenziale.

 MODALITA’ DI ISCRIZIONE

  1. Per ottenere il benestare alla partenza  bisogna compilare il seguente modulo (Modulo di richiesta) che verrà  inoltrato con e-mail (collegium@camminodiassisi.it)
  2. La data di inizio richesta, deve ricevere la conferma dall’associazione, in caso di assenza di posti per  il giorno inoltrato, si concorderà  un nuova  data in relazione alle disponibilità  del momento.
  3. Ogni formalità poi verrà  espletata nella sede di partenza
  4. Dovadola è la sede iniziale ed è meglio presentarsi  con una copia del modulo già inviato, per agevolare le fasi di iscrizione (15 euro ) come “socio pellegrino”,
  5. Nel contempo  saranno rilasciati i documenti di viaggio necessari per il cammino (credenziale, guida, lista rifugi, altre ed eventuali utili informative) ed per finire sarete indirizzati al rifugio Benedetta Bianchi Porro.
  6. Per chi richiede di partire da altra sede di tappa, la modalità sarà concordata, al momento della richiesta.
  7. La credenziale (Credenziale) è il documento che certifica lo status di pellegrino, riconosciuto da tutte le componenti coinvolte nel cammino e deve essere vistata in ogni sede di tappa per mantenere la sua validità; Concede di avvalersi delle  condizioni di favore lungo la filiera del percorso, con le varie le strutture di servizio pubblico convenzionate , e inoltre permette l'accoglienza presso le strutture adibite a Rifugio, nel rispetto della normativa di legge, che obbliga la  frequentazione  ai soli soci.
  8. La libera associazione, denominata “La Compagnia del Cammino di Assisi”, è demandata ad armonizzare la logistica della accoglienza con i migliori suggerimenti, mentre è esautorata da ogni obbligo conseguente  l’attività del pellegrino, il quale si ascrive ogni  responsabilità  di autogestione sia lungo i sentieri, sia nelle strutture ove soggiorna.
  9. Alla fine del cammino presso la portineria del Sacro Convento, presentando la credenziale timbrata, per chi vuole, esiste la possibilità di ritirare l’attestato (devotionis causa) di avvenuto pellegrinaggio, denominato “Assisiana"
  10. Consigli assai avveduti:
    1. Il pellegrinaggio non è una vacanza, ma una forte esperienza di vita, che deve essere affrontata con coraggio e umiltà, giacchè si vanno a risvegliare ataviche energie che in molti di noi si sono assopite,  per cui è una bella opportunità  per  riappropriarsi di questo antico tesoro, ossia un  bel regalo  che ognuno ………………….. può fare a se stesso!!!!!......
    2. Il percorso del cammino è assai impegnativo, in particolare nella prima parte, quindi il pellegrinaggio va preparato sia mentalmente che fisicamente, se si vuole godere dei benefici consequenziali.
    3. Anche per chi parte in gruppo, durante il cammino di ogni tappa, deve riservarsi molte ore di solitudine per farsi trovare pronto, in quell’istante in  cui la Interiorità ci concede l’occasione di dialogare in modo leale con la nostra  Coscienza ……. questo è una bella chance  da conseguire  giorno per giorno …… Sarà  una  vera mirabilia esperimentare  queste  circostanze  esistenziali.
    4. Il pellegrinaggio è un lasso di tempo di vita morigerata, per cui i bisogni saranno minimali, senza tuttavia intaccare l’efficienza  del ns. fisico, che deve essere nutrito  con una giusta ed appropriata  alimentazione,  e con  un buon  riposo  notturno.
    5. Il comportamento verso le strutture di accoglienza deve essere assai  rispettoso, anche allorquando per  motivi diversi  l’offerta non verrà  considerata adeguata, e ricordarsi sempre in codesti  frangenti  l’insegnamento di San Francesco sulla letizia …… (vedi fioretti … la Santa Letizia)
    6. I sentieri si snodano per la maggior parte sugli Appennini e la rete dei cellulari in certi punti lascia a desiderare, quindi quando si transita su tali percorsi  aumentare l’ attenzione, specialmente in discesa e per di più se si è stanchi, , …. questo richiamo è rivolto in speciale modo  a chi cammina in solitario.
    7. Il Cammino di Assisi , dopo  quello Santiago, è il pellegrinaggio più noto al mondo,  ed è bene mettere in risalto il gemellaggio che li unisce, e se il pellegrinaggio spagnolo è l’avvenimento culturale Europeo più importante, di ieri di oggi e di domani, il Ns. cammino francescano lo sorpassa sicuramente dal punto di vista Spirituale ed Ambientale.
    8. Per altre utili indicazioni .. Vai

Home